Pinocchio, gli zecchini d’oro, il gatto e la volpe… alias: il risparmiatore, il risparmio, il collocatore delle polizze vita Index Linked e l’emittente di dette polizze.

La storia è sempre quella, ma non la scrive Collodi, si verifica per davvero in Italia da tempo a questa parte.

Vi siete mai chiesti perché appena mettete piede in banca vi invitano ad acquistare polizze Index Linked? Sicuro che no e… avete fatto male!

Le polizze Index Linked (quelle attuali meno, quelle in circolazione qualche anno fa, molto, molto di più) prevedono costi di caricamento, che, a volte raggiungono e superano, complessivamente il 12%.

Questo significa che, il gruppo bancario / assicurativo che le colloca, al momento della firma assorbe il 12% del capitale che esce dai Vostri conti correnti.

Non male no?

Se Vi avessero venduto titoli di stato avrebbero incassato solo lo 0,15%, lo 0,25% o giù di lì.

Dunque, la Vostra controparte negoziale incamera ottanta volte di più a venderVi polizze, piuttosto che BOT.

Ecco spiegato il mistero di tanta solerzia.

Eppure, non è che le polizze vita, almeno quelle ad investimento prudente, promettano di meglio: se avrete la pazienza di visitare i siti web delle compagnie che operano in questo settore e leggerete le note informative, constaterete (c’è scritto chiaro e tondo) che, almeno per le gestioni prudenti, cioé quelle che vi fanno correre poco rischio, il rendimento, con ogni probabilità (nel 60% dei casi) sarà inferiore a quello che avreste conseguito investendo in Titoli di Stato.

Ed allora? Perché comperare una Index?

Senza contare, poi, che, ai costi di caricamento si aggiungono quelli annui (assicurazione, costi di funzionamento della gestione separata, ecc.), normalmente tra l’1,5% ed il 2,5%.

Per non dire dei “costi impliciti” delle polizze che, però, sono visibili solo “al microscopio” da chi è in grado di “smontarne” i pezzi.

Infine… avete mai riflettuto sul fatto che, il denaro versato prenderà strade a Voi ignote? Eh sì! Perchè, i titoli “linkati” non sono mica quelli in cui andrà a concentrarsi l’investimento della raccolta premi. I titoli linkati rappresentano – ed è tutt’altra cosa – semplicemente il valore a cui riferirsi per stabilire i rendimenti, in termini di interessi, della Vostra polizza.

Meditate gente! Meditate!

Scarica in PDF.